Lucchetto TSA

Nel 2001, a seguito degli attentati dell’11 settembre, gli Stati Uniti hanno rivisto completamente le norme per viaggiare in aereo, inserendo molte restrizioni e controlli ai passeggeri.

La Transportation Security Administration (TSA), l’ente che si occupa della sicurezza aeroportuale negli Stati Uniti, ha pensato che fosse opportuno aprire le valigie di alcuni passeggeri. In questo modo l’agenzia poteva garantire un alto livello di sicurezza bloccando subito l’imbarco di oggetti vietati in aereo.

Molte però sono state le lamentele, non tanto per motivi di privacy quanto per il fatto che i bagagli venivano danneggiati. Per aprire le valigie, gli addetti della TSA erano costretti a forzare le chiusure, rendendo inutilizzabili i bagagli. Questo ha creato dei danni economici a chi si recava negli USA.

Il lucchetto TSA si differenzia da altri tipi di lucchetto perché per aprirlo è necessaria una combinazione composta da tre numeri. Quindi, utilizzando questo tipo di serratura, solo chi ha il codice può aprire la valigia.

Le autorità degli Stati Uniti possiedono una chiave universale per aprire il lucchetto TSA e, in fase di ispezione del bagaglio, non devono fare altro che aprire il lucchetto in modo automatico, controllare il contenuto della valigia e poi richiuderla. Tutto il bagaglio rimarrà integro, compreso il lucchetto TSA, con la combinazione impostata dal proprietario del bagaglio.

Ricapitolando

il Lucchetto TSA: